Ricchiuti Giulio

RICCHIUTI  GIULIO nasce a Novi Velia  il 25.09-1902 da  Nicola ( 1870 ) e da Leondina De Luca

( 01.03.1881 ). I suoi genitori hanno avuto altri due figli : Antonio ( 29.09.1900 ) e Nicolino ( 23.11.1904 ).Sino all’età di 17 anni,con la sua famiglia,ha abitato nel bello e vetusto palazzo baronale ,già antica dimora  della nobile famiglia Marzano.Nel 1917  però emigra nell’America del Nord:Queste notizie le apprendiamo da una copia sbiadita del giornale “ L’OSSERVATORE “ pubblicato A PLAINFIELD,N.J.,venerdi 18 agosto 1939.Ritenendo di fare cosa gradita ai parenti di Novi e anche per far conoscere alle future generazioni novesi la storia di un giovane novese ben voluto e affermato negli Stati Uniti d’America,trascriviamo integralmente quanto pubblicato dal predetto giornale a pagina 2.

 

“ NO.  PLAINFIELD

Il 30 di luglio 1939 è cessato di vivere alle ore 1,10 p.m. una cara persona,amato e benvoluto per la vivacità,attività e sempre di buon umore e sorridente,alla gioane età di trentasette anni :JULIUS RICCHIUTI..Nato in Novi Velia,Provincia di Salerno,nella nostra  amata Italia ed emigrato in America da ben venti anni e pur avendo girato diversi centri è sempre tornato in Plainfield,N.J. dove da più di un anno aveva messo una bellissima calzolera nella strada principale.

La morte lo ha rubato in brevissimo tempo,tanto è vero che alle 10 a.m.della fatale domenica del 30 luglio,ha accusato un improvviso malore e dopo aver chiamato aiuto,al suo caro amico accorso per assisterlo Carmine Guarino gli ha detto che stava per morire e le ultime parole uscite dalla sua bocca sono state quelle di “ Mamma “riferendosi alla sua cara madre Signora Leondina Ricchiuti, nata De Luca, della quale ce ne ha sempre parlato con grande affetto e venerazione,ed aveva espresso il desiderio di far pubblicare la sua storia con la sua fotografia per inviarla alla cara genitrice,ed,ironia della sorte,la deve vedere in questo giornale nella rubrica funebre.

Accorsi in suo aiuto i pompieri locali  di North Plainfield,hanno cercato tutti i mezzi per farlo respirare e poi si sono decisi di trasportarlo immediatamente all’ospedale dove poco tempo dopo è cessato di vivere. I funerali sono stati imponentissimi,il che denota della sua popolarità in vita,e dopo una Messa solenne nella   Chiesa Cattolica di St. Joseph,un lunghissimo corteo di carri,ha seguito la salma, preceduta da un carro pieno di tributi floreali,all’ultima dimora nell’Holy Redemer Cemetery di South Plainfield.

La bara è stata trasportata da : August Church, Angelo Squarcia, Otto Broccoletti, Louis R.Church, Joseph Farry e Tarquinio Broccoletti.

Alla madre e al fratello che abita in Sud America,i soli  parenti che noi abbiamo da lui intesi ricordare,estendiamo i nostri più vivi sensi di condoglianze. “

img506.jpg