Aloia Carmelo

ALOIA  CARMELO figlio di Antonio (08.10.1897) e di Angiolina  Lettieri (25.06.1902) nasce a Novi Velia il 15.05.1933. L’hanno preceduto Mariannina,Assunta ed Elvira mentre dopo di lui sono nati  Valentino e Armerinda.. Da piccolo aiuta il padre nel lavoro dei campi di sua proprietà sino all’età di 19 anni quando decide di emigrare nella speranza di una vita più agiata.

Si imbarca da Napoli sulla nave Andrea Gritti e raggiunge Caracas in Venezuela il 5 aprile del 1952,con atto di richiamo di Antonio Guzzo. Insieme a lui emigrano il cognato Pasquale Guzzo e Vincenzo Guzzo (figlio di Antonio soprannominato “ vasavasa “),che da più di un anno li aveva preceduti in Caracas.

Nei primi mesi si adatta a fare tutti i lavori che gli si presentano.Dopo qualche anno trova lavoro come cameriere-barista ,nel bar Roial di via Cappuccino,di proprietà di Ciccio De Vita di Pellare.Dopo che è riuscito a mettere da parte un bel gruzzolo,compera insieme, ad Angelo Ricchiuti una macelleria ove insegna il mestiere di macellaio a Vittorio,fratello di Angelo,emigrato da poco insieme all’altro fratello Michele.Dopo qualche tempo divide il lavoro di macellaio con Giovanni Taddeo,sempre di Novi Velia,che aveva rilevato “ la  parte “ di Angelo Ricchiuti.

Nel giugo del 1958,ritorna a Novi per una vacanza con i suoi familiari e nell’occasione si fidanza con Antonietta Positano figlia di Gaetano e di Aurelia Romaniello,che sposa il 21 agosto. Il 19 settembre dello stesso anno,insieme alla moglie,ritorna a Caracas con la nave Andrea Doria.

Riprende da solo la gestione della sua macelleria.Carmelo e Antonietta ,a Caracas, danno alla luce tre figli : Angela ( 1960 ), Antonio ( 1962 ) e Aurelia ( 1964 ).

Il 19 aprile del 1972,Carmelo e tutta la famiglia,rientra definitivamente in Italia.Nel giugno dello stesso anno,poco dopo la morte del padre, “ apre “ una macelleria in Piazza Longobardi che dopo qualche tempo sposta in Viale San Giorgio di Novi Velia. Smette questa attività, per pensionamento,nell’anno 2001.Dopo aver abitato per diversi anni a Vallo della Lucania,da molti anni si gode tranquillamente la sua pensione,insieme alla moglie,nella sua villetta di Novi Velia.

Di tanto in tanto però non disdegna di fare qualche lavoretto nei terreni di sua proprietà,non sempre con l’approvazione dei figli,che tutti  sposati e con prole, vivono e lavorano a Vallo della Lucania.

1958,sulla nave Andrea Doria in viaggio verso Caracas ( da sin. )Antonietta Positano,Carmelo Aloiae i vallesi Giuseppina Piccinino e (Scascia Carrozze).jpg Aloia Carmelo ( a sin.) e Vittorio Ricchiuti nella macelleria di Caracas.jpg Antonietta Positano col marito Carmelo Aloia  e il cognato Pasquale Guzzo.jpg Antonietta Positano tra Valentico e Carmelo ( marito ) Aloia appena sbarcati a Caracas il 12.10.1958.jpg Caracas.Da sin.CarmeloAloia,la figlia Angela,Antonio Pica con la figlia Rosanna e Giuseppina Piccininp cpn in braccio Antonio Aloia.jpg Caracas.Il carnicero  Aloia Carmelo ( a centro ) davanti al l suo negozio..jpg Caracas.Vincenzo Positano si appresta a radere la barba a Carmelo Aloia.jpg Carmelo Aloia (a sin.) con due amici nella macelleria di Caracas..jpg Carmelo Aloia a Caracas nella sua macelleria.jpg Carmelo Aloia a Caracas..jpg Carmelo Aloia sulla passerella della nave il giorno della partenza per Caracas. 25.09.1958.jpg Da Sn.Giovanni Taddeo,Carmelo Aloia e Giuseppe Crocamo nella Mcelleria di Caracas..jpg Da sin. Aloia Carmelo e Vincenzo Guzzo.jpg I piccoli Antonio e Angela Aloia,nella barberia di papa Carmelo,insieme allo zio barbiere Vincenzo Positano.jpg ICaracas.I coniugi Antonietta Positano e Carmelo Aloia con i figli ( da sin. ) Angela.Amtonio e Aurelia..jpg Nardino Crocamo in braccio a Carmelo Aloia,Angela Aloia in braccio alla madre Antonietta Positano e i genitori di Nardino Marietta Sansone  e Aniello Crocamo..jpg img549.jpg img550.jpg img551.jpg img552.jpg