Aloia Valentino

ALOIA  VALENTINO figlio di Antonio e Angiolina Lettieri, nasce a Novi Velia nel 1935. Dopo le scuole elementari, frequenta le prime due classi della Scuola di Avviamento Professionale di Vallo della Lucania, dopodiché impara il mestiere di meccanico presso l’Officina di Ciccio Nicoletti di Vallo della Lucania . Ma il 23.12.1953, dopo aver ricevuto Atto di Richiamo dal fratello Carmelo, lascia l’Italia con la nave Marco Polo, e il 5 gennaio sbarca al Porto di La Guaira, in Venezuela. Dopo una quindicina di giorni di assestamento a Caracas, il fratello gli trova lavoro come “ smacchiatore di vestiti “. Dopo pochi mesi però,per forti gastralgie dovute alle sostanze smacchianti, è costretto a lasciare questo lavoro. Dopo pochi giorni trova lavoro nella fabbrica americana “La Leona “ che confeziona calze di nylon .

Nel tempo libero frequenta il Palazzo dello Sport, in via San Martino, dove pratica sollevamento pesi e lotta libera. Vince sette incontri (sei per ko e uno per rinuncia) di lotta olimpica. Spesso andavano a tifare per lui, chiamandolo “Pancito”, i compaesani Federico Romanelli, Adamo Taddeo e Vincenzo Ricchiuti. Era stato scelto per rappresentare il Venezuela negli incontri di lotta olimpica contro Cuba, Colombia e altri stati del Sud America ma dovette rinunciare in quanto, privo di sponsor, avrebbe dovuto utilizzare i suoi risparmi per vivere. All’inizio del 1956, per nostalgia della famiglia e del suo paese, ritorna a Novi Velia, imbarcandosi sulla nave “ Bianca C “, ma non trovando lavoro, a settembre dello stesso anno, ritorna a Caracas con la nave “ Venezuela “. Trova subito lavoro, insieme al novese Vincenzo Ricchiuti, in una ditta ove costruivano scaffalature di ferro per archiviare fascicoli, recinzioni e “ricoveri”, sempre in ferro, per cavalli e mucche. Dopo due anni passa a fare il gommista in un locale di sua proprietà. Nel 1961, rientra, in aereo, a Novi per una breve vacanza presso la sua famiglia. Nello stesso anno, ritorna a Caracas con la nave “ Anna C “ insieme alla cognata Antonietta Positano e alla nipotina Angela. Nel 1962 si fidanza con Anna Merola (1937), anch’essa di Novi, che sposa per procura il 25.10.1962. Valentino Aloia e Angela Merola si sposano poi, con rito religioso, a Caracas il 29.12.1962. Anna, la moglie di Valentino, lavora per pochi mesi in una fabbrica ove venivano confezionate giacche militari. Intanto il 12.10.1963 la famiglia Aloia-Merola aumenta di numero, per la nascita della primogenita Angela. Nel 1964 Valentino Aloia rientra definitivamente a Novi, insieme a moglie e figlia. Valentino, dopo qualche mese, compra un autocarro per trasporti merci e materiali da costruzione iniziando così una nuova attività lavorativa .

Nel 1965 mentre Valentino si trovava nella caserma militare di Salerno viene raggiunto da un telegramma che gli annuncia la nascita della seconda figlia Marilena. Viene subito rimandato a casa evitando di effettuare il servizio militare di leva. Successivamente la famiglia si arricchisce di altri due figli: Antonio (01-10-1967) e Benedetto (15-07-1973) . Nel 1967, ALOIA Valentino, abbandonato il lavoro di camionista ha una breve esperienza lavorativa con la ditta Di Giuseppe Impianti Elettrici insieme a Giuseppe Ogliaruso anche lui di Novi. Successivamente insieme a Franco Speranza , soprannominato “Zampanò “ , emigra in Germania ove  trova lavoro per cinque mesi come gruista in una fonderia. Rientrato in Italia emigra a Torino ove trova lavoro in una ditta che lavora per le Ferrovie dello Stato. Qui fa una serie di lavori compreso quello di autista e uomo di fiducia nel controllo dell’orario di lavoro dei dipendenti di una  ditta. Avendo partecipato ad un concorso di Vigile Urbano per il Comune di Novi Velia ed essendo risultato vincitore ,nel maggio del 1970 rientra a Novi Velia. Questo lavoro lo mantiene fino al 2000 quando va in pensione congedandosi con il grado di Maresciallo Capo. Da allora si gode la pensione e la famiglia e di tanto in tanto attende al lavoro dei terreni di sua proprietà.

 

 

 

Caracas,Valentino Aloia.jpg Caracas.Valentino Aloia 18.12.1956.jpg img095.jpg img098.jpg img099.jpg img100.jpg img101.jpg